Creatività

Tipi creativi, quale sei?

Incontro e ho la fortuna di parlare con molte persone nel mio lavoro. Nel mio negozio, come puoi immaginare, sono molte e tutte diverse. C’è chi “crea” per creare per sé stesso, chi lo fa diventare piano pianino un piccolo lavoro e chi partecipa ai corsi per imparare qualcosa per sè. 

Come capirai ci sono molti tipi creativi ma a volte per non trovarci ad avere una stanza di materiale totalmente inutile, che non vorremmo mai aver comprato, dobbiamo farci una domanda: che tipo di creativo sono e voglio essere? Sembra banale vero? Invece non lo è.

Mi sono posta questa domanda molto tempo fa, perché avvertivo che alcune cose mi creavano un certo disagio. Per esempio, quando mi sono trovata a fare un mercatino. Ho accettato perché mi sembrava una buona idea per vendere le mie creazioni e mi sono ritrovata a passare una giornata al freddo e al gelo avvertendo una grande noia. 

Quindi decidi bene quali sono le tue risorse e come vuoi procedere, ecco alcuni consigli utili:

Se vuoi fare un mercatino: l’organizzazione in questo caso é fondamentale. Innanzitutto dovrai creare molti progetti da vendere (ti piace vedere il banco quasi vuoto quando passeggi per le bancarelle della tua città? Non credo). Ricorda: maggiori sono i progetti più facile sarà venderli. Anche l’occhio vuole la sua parte. Inoltre dovrai mettere bene la merce, non lasciarla sopra il banco che hai scelto in disordine, dagli un senso: ad esempio un banco che vende pupazzeria dovrebbe mettere i più grandi dietro e i più piccoli davanti, e magari i colori dovrebbero essere predisposti con senso cromatico ecc.  Se hai la possibilità di appendere qualcosa ai lati, fallo dará senso di pienezza! Il tuo banco é la tua vetrina, é un prolungamento di te. 
 Altra cosa importante: preoccupati di gestire le date in anticipo e di contattare i comuni che ti ospiteranno per rispettare le loro regole e non trovarti impreparato. Alcuni comuni prevedono un passaggio burocratico per partecipare, altri si affidano ad associazioni che possono metterti a disposizione un banco già pronto ecc. 

Il banco di lavoro, le sedie, il gazebo, le luci. Magari un tavolo a casa o da qualcuno lo possiamo avere, ma il gazebo? É importante e non sottovalutarlo. Se piove improvvisamente ti ricorderai troppo tardi che il gazebo era essenziale. Quindi scegli un gazebo con coperture laterali. 

Le luci sono fondamentali. In commercio si usa spesso un filo già composto di diversi metri predisposto con attacchi per le lampadine. Lo puoi trovare in qualsiasi ferramenta ben attrezzata. (Se non lo trovassi contatta pure il mio negozi). Qualche lampadina, lo appendi nella parte frontale del gazebo e la luce sarà appropriata anche la sera.

Portati una sedia (o più di una se siete in due) la giornata é lunga!

Ti senti pronta per tutta questa organizzazione? Ti piace l’idea di crearti un piccolo negozio domenicale? Di metterti in vetrina? Allora sei il creativo da mercatino! In bocca al lupo!

Eccoti la differenza tra due banchi diversi, dove ti fermeresti? La risposta che darai è il naturale esempio da seguire:

   
 

Il creativo per commissione. Ti piace esaudire i desideri delle persone e cercare di capire cosa immaginano? Questa è una buona strada da intraprendere. A volte le premesse possono essere un po’ lunghe perché dobbiamo cercare il più possibile di avvicinarci al nostro interlocutore. Qualche volta ci possiamo accorgere che, per esempio i colori che la persona vuole non vanno proprio d’accordo tra di loro e allora cosa fare? Potremmo per esempio creare un secondo modello simile a quello che ci viene chiesto con dei colori che ci piacciono e proporlo. Non ti dirò che questa strada è facile, anzi, però regala molte soddisfazioni. Un altro consiglio che posso darti è di fotografare tutto quello che fai per gli altri e i nuovi modelli che crei, in poco tempo avrai un book da far vedere ai potenziali clienti!

Il creativo inventore. Ci sono persone che non amano per niente riprodurre un cartamodello o lavorare su commissione. Sono gli inventori. Vedono una tecnica nuova e si dicono: la voglio provare, la svilupperó su quel progetto che ho in testa. Non ci sono disegni molto spesso ma idee e mille prove prima di riuscire. Attenzione: il risultato non è sempre adeguato agli sforzi. Una buona idea viene una volta all’anno forse. Bisognerà poi che trovi un metodo per pubblicizzarla, social, giornali, la vetrina di un negozio ecc.

Il creativo per passione: altra categoria. Colui che crea solo per sè, o forse per suo cugino ma ama vedere i propri lavori nella sua casa. Se sei questo tipo di creativo non hai bisogno di alcun consiglio ma solo di idee nuove da sviluppare. Il giornalaio, pinterest, i social, in genere in questo caso, sono un ottimo posto da cui raccogliere spunti!

E tu che tipo di creativo sei?

Condividi il tuo risultato sulla mia pagina Facebook!https://m.facebook.com/ilmondomagicodimadda/

One thought on “Tipi creativi, quale sei?

  1. Ciao ☺ io mi ritrovo un po’ in tutte e tre le categorie creative che hai elencato. Dipende dai momenti. A volte invento, altre eseguo su commissione, altre ancora creo per la passione di realizzare cose utili per la mia casa ☺

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...